<style>.woocommerce-product-gallery{opacity:1 !important}</style>
CONSEGNA GRATUITA NEL REGNO UNITO PER ORDINI SUPERIORI A £ 40
SPEDIZIONE GLOBALE
ORDINE SICURO
5 * SERVIZIO CLIENTI
Manoj ramachandran

Manoj ramachandran

Consulente Chirurgo Ortopedico e Traumatologico e Visiting Professor
Royal London and Barts e The London Children's Hospitals,
Barts Health NHS Trust, Londra, Inghilterra
@ manojram1

INTRODUZIONE

In questi tempi senza precedenti nel mezzo della pandemia COVID- 19, in cui indossare le maschere è diventata una necessità non solo per proteggere noi stessi ma anche tutti quelli nelle nostre vicinanze o con cui potremmo entrare in contatto, è importante sapere di cosa adeguata protezione del viso da indossare è. 

Ho pensato di concentrarmi su ciò che indossiamo in prima linea come chirurghi senior (e perché), perché alcune maschere di uso generale potrebbero non essere così protettive e quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ogni tipo di maschera. Le informazioni contenute in questo breve articolo sono rivolte sia al pubblico che ai principali operatori delle strutture sanitarie.

Vale la pena iniziare pensando al motivo per cui abbiamo bisogno di protezione. In un contesto sanitario, ci sono molteplici rischi, tra cui schizzi di fluidi corporei (ad esempio sangue e saliva) e trasmissione per via aerea di agenti patogeni che causano malattie come batteri e virus. Nel contesto dei coronavirus, l'obiettivo è ridurre al minimo il rischio di particelle sospese nell'aria, che possono essere aerosol o goccioline. 

Qual è la differenza tra aerosol e goccioline?

Gli aerosol sono particelle liquide o solide sospese nell'aria e possono essere visibili (come la nebbia) o invisibili, che è più comune. In effetti, questi gli aerosol invisibili sono ciò che conosciamo come piccole goccioline, che, a causa delle loro dimensioni, sono galleggianti e galleggiano nell'aria per un lungo periodo di tempo prima di evaporare. Pertanto, possono galleggiare su lunghe distanze e aumentare il rischio di trasmissione aerea di malattia. Grandi goccioline tendono a cadere a terra prima che evaporino, provocando quindi trasmissione di goccioline in un raggio più piccolo. Inoltre vale la pena ricordare che le goccioline di grandi dimensioni si trasformano in piccole goccioline mentre evaporano, quindi la distinzione tra i due non è chiara.

Si noti che siamo particolarmente cauti nei confronti della trasmissione in ambienti come le sale operatorie perché le procedure che coinvolgono i pazienti anestetizzati e le loro vie aeree aumentano il rischio di generazione di aerosol. Il rischio di ciò è molto inferiore al di fuori di questi ambienti, ma ricorda che attività come la tosse e gli starnuti provocano la generazione di aerosol.

Come scelgo la maschera facciale corretta?

Passiamo ai dispositivi di protezione individuale (DPI) e nello specifico alle maschere. Vale la pena considerare il 4 Fs che determinano l'efficacia e la facilità d'uso delle maschere:

  1. Filtrazione: Considera quanta filtrazione è necessaria. In un ambiente in cui vi è un'elevata trasmissione di goccioline o aerosol, ad esempio accanto a pazienti con infezione da COVID 19 noti, utilizzare una maschera ad alto filtraggio (vedere sotto i respiratori con filtro antiparticolato).
  2. Resistenza ai fluidi: Utilizzare una maschera resistente ai fluidi in caso di schizzi di fluido da una fonte infetta nota. Il motivo per cui i chirurghi utilizzano maschere chirurgiche in una sala operatoria è per proteggere dagli schizzi. Sono disponibili 3 gradi di mascherine chirurgiche e li esamineremo uno dopo l'altro.
  3. Funzionalità: In ambienti chirurgici, utilizziamo maschere chirurgiche di livello 3 con lacci per le mani. Inoltre, possiamo utilizzare pellicole e nastri anti-appannamento per ridurre i problemi di appannamento e schermi e occhiali aggiuntivi per proteggere gli occhi da sangue e altri schizzi di liquidi.Lavabilità, traspirabilità e riutilizzabilità sono altre caratteristiche da considerare.
  4. In forma: È incredibilmente importante che le maschere si adattino correttamente. Il naso e la bocca devono essere completamente coperti e deve essere creata una tenuta ermetica intorno al viso per evitare spazi vuoti che aumentano il rischio di esposizione a goccioline e aerosol.

Ricorda che usiamo maschere per mantenere aerosol e goccioline fuori dal nostro tratto respiratorio (per proteggerci) e per mantenere i nostri aerosol e goccioline (per proteggere gli altri). Inoltre, non dimenticare che dovremmo sempre cercare di ridurre al minimo il rischio di contatto diffuso attraverso l'allontanamento sociale, l'igiene delle mani ed evitando di toccare la maschera o il viso.

Le quattro categorie di maschere disponibili sono:

  1. Maschere per il viso non prodotte in casa
  2. Maschere per il viso di qualità non medica fabbricate
  3. Mascherine chirurgiche
  4. Respiratori con filtro antiparticolato
Maschere per il viso non prodotte in casa

Maschere per il viso non prodotte in casa

Cominciamo con i rivestimenti per il viso più elementari, il maschere per il viso non fabbricate in casa facili da mettere insieme, ad esempio usando sciarpe, bandane o fazzoletti. Ad essere onesti, il livello di protezione qui è trascurabile. Anche se probabilmente è meglio di niente, chiaramente non li indosseremmo in un ambiente sanitario! In termini di trasmissione di goccioline e aerosol (che possono contenere coronavirus), il livello di protezione è minimo per le goccioline più piccole, sebbene aumentare il numero di strati possa essere più efficace. Quindi, quando sei in giro in pubblico, questi rivestimenti per il viso sono meglio che non avere niente addosso, ma sii consapevole dei loro limiti. 

Maschere per il viso di qualità non medica fabbricate

Maschere per il viso di qualità non medica fabbricate

Il livello successivo di protezione è da maschere facciali di qualità non medica fabbricate (comprese le conversioni cucite in casa). Ancora una volta, per essere chiari, il livello di protezione contro goccioline e aerosol è minimo e sebbene siano usati frequentemente dal pubblico, ricorda ancora che l'allontanamento sociale, l'igiene delle mani e l'evitare di toccare la maschera o il viso sono molto più importanti

Mascherine chirurgiche

I prossimi sono mascherine chirurgiche  che sono comunemente usati nelle strutture sanitarie, specialmente in prima linea. Sono disponibili 3 tipi di mascherine chirurgiche:

Quando gli operatori sanitari indossano maschere facciali di tipo I?

Tipo I (Livello 1): fornisce una protezione a bassa barriera da utilizzare per procedure e interazioni non chirurgiche a basso rischio in prima linea nell'assistenza sanitaria dove chi lo indossa non è a rischio di esposizione a liquidi o goccioline. Una maschera ad anello per le orecchie prontamente disponibile per l'acquisto è considerata una maschera di livello 1. Queste maschere di livello 1 possono essere utilizzate quando sei in contatto con casi lievi o asintomatici sospetti o confermati di COVID- 19 e, se questo è tutto ciò che è disponibile, valuta la possibilità di utilizzare uno schermo intero aggiuntivo. L'efficienza batterica è dell'ordine del 95% o superiore. Le maschere di tipo 1 sono disponibili nelle versioni lavabili, traspiranti e riutilizzabili. Nel Regno Unito, queste maschere devono essere conformi allo standard EN14683: 2019 Tipo I.

Quando le strutture sanitarie indossano maschere facciali di tipo II o tipo IIR (FRSM)?

Tipo II e IIR: forniscono una protezione barriera moderata dove sono presenti livelli da bassi a moderati di aerosol, spray e fluidi. Un esempio di utilizzo sanitario in prima linea è quando è probabile che si verifichi un'esposizione minima alle goccioline, ad esempio nei reparti di emergenza per le medicazioni delle ferite. L'efficienza batterica è dell'ordine del 98% o superiore. Il tipo II è costituito da una struttura a 3 strati mentre il tipo IIR è leggermente più spesso con uno strato repellente ai fluidi. Si noti che le proprietà di resistenza ai fluidi delle maschere di tipo IIR sono specifiche per ambienti vicini come case di cura e ospedali e proteggono dal trasferimento di liquidi da tosse e starnuti. L'Organizzazione Mondiale della Sanità lo certifica Tipo IIR (e Maschere FFP2) per l'uso in ambienti clinici stretti, ad esempio in strutture sanitarie con pazienti COVID 19 noti. Nel Regno Unito, queste maschere devono essere conformi allo standard EN14683: 2019 Tipo IIR.

Che cos'è una maschera 3 per il viso di livello?

Tipo III (Livello 3): fornisce la massima protezione della barriera per qualsiasi situazione che abbia il potenziale per l'esposizione a livelli elevati di aerosol, spray e fluidi. Queste sono le maschere che utilizziamo in tutte le procedure chirurgiche e traumatologiche in cui vi è un alto rischio di schizzi di sangue o fluidi corporei. L'efficienza batterica è dell'ordine del 98% o superiore. In generale, queste maschere dovrebbero essere riservate per l'uso solo in sale operatorie e in ambienti traumatologici. Le maschere di tipo IIR sono più adatte all'uso generale da parte del pubblico.

Si prega di notare che con le maschere chirurgiche, il sigillo facciale è ancora allentato e possono verificarsi perdite intorno alla maschera mentre chi lo indossa inspira ed espira. Queste maschere non forniscono a chi le indossa un livello affidabile di protezione dall'inalazione di piccole particelle sospese nell'aria e quindi non si può considerare che forniscano un livello elevato di protezione respiratoria. Soprattutto, però, generalmente impediscono a chi li indossa di infettare l'ambiente circostante.

 

Respiratori con filtro antiparticolato

Queste maschere sono progettate per fornire il massimo livello di protezione per le vie respiratorie e sono generalmente limitate per l'uso in strutture sanitarie. Tuttavia, durante l'attuale pandemia, sono diventati disponibili per l'uso da parte del pubblico in generale, soprattutto perché i produttori certificati hanno aumentato le loro capacità di produzione a livello globale

Il più comunemente disponibile è l'N95, sebbene siano disponibili anche i respiratori N99. Il N sta per Nsu particelle a base di olio e il numero (95 o 99) indica la percentuale di particelle sospese (nell'intervallo micrometrico) che la maschera può filtrare. Entrambi sono eccellenti nel ridurre l'esposizione di chi lo indossa alla trasmissione aerea e di goccioline. Un'altra differenza tra N95 e N99 respiratori è che gli N95 sono una singola unità autonoma, mentre gli N99 hanno due componenti separati, un respiratore riutilizzabile insieme a un filtro o valvola usa e getta (questo viene aggiunto perché il materiale di filtrazione del respiratore è più spesso). Nota che FFP sta per Ffiltrante FassoPiece e che gli FFP2 sono equivalenti a N95 e gli FFP3 a N99.

Quando gli operatori sanitari indossano una maschera facciale N95 (FFP2)?

Respiratori N95 (FFP2) sono stati progettati per essere utilizzati in ambienti sanitari in cui sono necessari dispositivi di protezione delle vie respiratorie da generatori di particelle ad alto rischio come la generazione di aerosol in pazienti con malattie altamente infettive (come la tubercolosi) e la generazione di fumo da procedure (come i dissettori elettrochirurgici) e quindi, standard maschere chirurgiche non devono essere utilizzate.

I respiratori con filtro antiparticolato, rispetto agli altri tipi di maschere disponibili, offrono una vestibilità molto più aderente al viso, ma questo può diventare scomodo per periodi prolungati di usura. Nelle strutture sanitarie ad alto rischio, il fit test è essenziale per garantire che le perdite siano minime durante la respirazione.

I respiratori N95 sono tenuti in posizione da elastici auricolari o cinghie per la testa e forniscono un'eccellente protezione. Tuttavia, non possono essere modellati ulteriormente rispetto al viso per un adattamento più stretto e vi è un massimo del 8% di perdite all'interno.

Quando gli operatori sanitari indossano una maschera facciale N99 (FFP3)?

In seguito Respiratori N99 (FFP3), d'altra parte, sono meglio modellati sul tuo viso per una vestibilità più aderente (e quindi possono essere leggermente più scomodi) e la valvola aggiuntiva aiuta a rendere più facile la respirazione.

I respiratori N99 hanno solo una perdita massima del 2% all'interno e la valvola riduce anche l'accumulo di umidità, consentendo di indossare la maschera per un periodo di tempo più lungo.

In generale, i respiratori N95 offrono la massima protezione necessaria nelle strutture sanitarie ad alto rischio, sebbene noi chirurghi evitiamo l'uso di valvole nei casi operativi poiché sebbene la valvola unidirezionale filtri l'aria inalata, l'aria espirata viene espulsa attraverso la valvola . 

Sommario

Questo breve articolo si concentra su quando gli operatori sanitari in prima linea utilizzano determinati tipi di maschere e perché. Le informazioni fornite sono anche per uso pubblico generale e ti consiglio di digerire tutte le informazioni disponibili qui (e altre fonti attendibili) e di prendere la tua decisione basata sull'evidenza su quale tipo di maschera sarebbe più adatto a te. Ricorda però che oltre a indossare maschere, l'allontanamento sociale, l'igiene delle mani ed evitare di toccare la maschera o il viso sono di fondamentale importanza.

*Per favore riferisci a Linee guida del governo HM

 

 

Take a look at our face masks

Acquista maschere per il viso
English (US)danskSvenskaFrançaisItalianoDeutschPortuguêsEspañolEnglish